Studi RIAP

Si riporta di seguito la lista degli accordi stipulati con il Ministero della Salute dal 2006.

Obiettivo principale:

Utilizzare congiuntamente i dati del progetto RIAP e quelli su appalti pubblici in sanità per lo studio dei possibili nessi tra strategie di procurement per le protesi ortopediche ed esiti degli interventi

Obiettivi specifici:

  • Costruire sulla base dei dati disponibili dal RIAP misure di qualità dei dispositivi ortopedici
  • Valutare le gare svolte attraverso la forma dell’accordo quadro e confrontarle con l’effettivo impiego di protesi acquisite rilevate dal RIAP
  • Studiare la relazione tra strategie di procurement e innovazione tecnologica

Durata

01/03/2018-28/02/2020

Obiettivo principale:

Creare l’infrastruttura utile a soddisfare il debito informativo richiesto dal DPCM 3.03.2017 e dalla successiva emanazione dei regolamenti che renderanno obbligatoria la partecipazione al registro nazionale delle protesi impiantabili

Obiettivi specifici:

  • Arruolamento di nuove regioni e nomina di un referente in Comitato scientifico; formalizzazione della collaborazione; selezione delle strutture partecipanti alla raccolta dati e formazione degli operatori
  • Proseguimento dell’attività di raccolta dati nelle istituzioni partecipanti, ampliamento del numero di strutture coinvolte, formalizzazione di protocolli di interazione tra RIAP e unità operative e potenziamento dell’applicazione RaDaR 2.0
  • Collaborazione alla stesura dei regolamenti attuativi del DPCM 3.03.2017, per quanto concerne il registro delle protesi impiantabili

Durata

01/03/2018- 31/08/2019

Obiettivo principale:

Eseguire un confronto dei sistemi classificatori adottati da altri registri per integrare e aggiornare, ove necessario, l’albero classificatorio della CND

Obiettivi specifici:

  • Acquisire le tassonomie disponibili da altri registri e confrontarle con la CND
  • Evidenziare, per le protesi di anca, le classi mancanti e, se necessario, aggiornare le denominazioni di alcune classi esistenti
  • Predisporre la struttura informativa necessaria per analizzare le classi delle protesi di ginocchio

Durata

01/03/2018- 31/08/2019

Obiettivo principale:

Definire metodologie a supporto dell’implementazione del RIAP nei diversi contesti regionali/provinciali e progettare il flusso informativo per la raccolta dei dati sulla protesi di caviglia

Obiettivi specifici:

  • Rilevazione dei criteri organizzativi e operativi dei registri partecipanti al RIAP
  • Coordinamento della rete nazionale, raccolta e analisi dei dati e produzione del Report annuale
  • Aggiornamento e ampliamento del Dizionario RIAP-DM
  • Definizione del modulo di raccolta dati per la protesi di caviglia

Durata

29/03/2017- 29/09/2018

Obiettivo principale:

Sviluppare un’infrastruttura informatica che permetta l’interazione tra il flusso informativo relativo all’identificazione e caratterizzazione dei dispositivi medici impiantati e registrati nel Registro Italiano ArtroProtesi e quello relativo al monitoraggio dei consumi dei dispositivi medici (istituito dal DM 11 giugno 2010)

Obiettivi specifici:

  • Consolidamento e ampliamento dei servizi di ricerca dispositivi medici e di segnalazione di dispositivi non trovati
  • Progettazione, implementazione e test di servizi/applicazione web per l’interrogazione dello stato delle richieste, degli aggiornamenti e per la trasmissione dei listini
  • Integrazione dei servizi nei sistemi informativi locali per supportare l’interazione tra farmacia/magazzino/provveditorato dell’ospedale (o comunque l’ufficio preposto alla presa in carico del dispositivo e al monitoraggio dei consumi) e camera operatoria, dove il dispositivo viene impiantato

Durata

01/03/2016 - 30/11/2018

Obiettivo principale:

Rafforzare la raccolta dati avviata dal Registro RIP-RID dell’AIAC in collaborazione con la Fondazione IRCAB, attraverso la rete collaborativa del RIAP

Obiettivi specifici:

  • Effettuare una mappatura dell’attività implantologica di pacemaker e defibrillatori evidenziando le criticità sul territorio nazionale
  • Condividere con l’AIAC l’esperienza acquisita dal progetto RIAP in termini di organizzazione del registro e coinvolgimento delle Regioni
  • Valutare nell’ambito della rete collaborativa del RIAP le possibili strategie per implementare la raccolta dati con un ampio coinvolgimento delle strutture

Durata

01/03/2016- 31/08/2017

Obiettivo principale:

Ampliare la rete regionale RIAP includendo nuove regioni

Obiettivi specifici:

  • Arruolamento della regione e nomina di un referente in Comitato Scientifico per ciascuna nuova regione arruolata e formalizzazione della collaborazione
  • Selezione delle strutture partecipanti alla raccolta dati e formazione degli operatori
  • Avvio di una fase pilota per la raccolta dei dati e valutazione della qualità dei dati raccolti

Durata

01/03/2016- 31/08/2017

Obiettivo principale:

A partire dal flusso informativo RIAP e considerata l’esperienza acquisita nella fase sperimentale del Progetto, definire e formalizzare un set di documenti funzionali all’operatività della raccolta dati nei diversi contesti locali

Obiettivi specifici:

  • Proseguimento dell’attività di raccolta dati nelle istituzioni partecipanti, ampliamento del numero di strutture coinvolte e formalizzazione di protocolli di interazione tra RIAP e unità operative
  • Potenziamento del sistema di acquisizione dei dati già sviluppato nella fase sperimentale (Sistema RaDaR – Raccolta Dati Ricovero)
  • Definizione e formalizzazione di un documento generale di riferimento per l’implementazione di registri di dispositivi medici impiantabili

Durata

09/03/2015- 08/03/2017

Obiettivo principale:

Consolidamento e potenziamento del Dizionario RIAP-DM quale complemento delle funzionalità esplicate dalla Banca dati ministeriale per supportare l’identificazione dei dispositivi impiantati e la valutazione comparativa della performance

Obiettivi specifici:

  • Inclusione di nuovi fabbricanti e aggiornamento dei listini già presenti all’interno del Dizionario RIAP-DM al fine di disporre di uno strumento di riferimento per gli operatori per la corretta identificazione dei dispositivi impiantati e, conseguentemente, per la tracciabilità del dispositivo e del paziente, in caso di segnalazione di evento avverso
  • Acquisizione delle informazioni tecniche utili alla caratterizzazione dei dispositivi attraverso la collaborazione con l’International Consortium of Orthopaedic Registries (ICOR) che sta predisponendo, tramite l’FDA e in collaborazione con l’Industria, un documento di riferimento sulle caratteristiche tecniche necessarie per la valutazione della performance dei dispositivi impiantati

Durata

09/03/2015- 08/09/2016

Obiettivo principale:

Organizzare e avviare un primo nucleo del Registro nazionale degli interventi di protesi di spalla come federazione di Registri regionali con il coordinamento dell’ISS, utilizzando flussi informativi correnti integrati da informazioni su caratteristiche del dispositivo e condizioni di salute dei pazienti al momento dell’intervento

Obiettivi specifici:

  • Analisi epidemiologica degli interventi di protesi di spalla in Italia con mappatura delle strutture, utilizzando i dati SDO nazionali
  • Elaborazione della scheda di raccolta dati aggiuntivi a quelli rilevabili dalle SDO
  • Test del flusso nelle regioni che già possiedono un registro o che lo avvieranno nel corso dello studio
  • Integrazione nell’applicativo web-based per la raccolta dati già attivo per il RIAP (anca e ginocchio) dei dati aggiuntivi selezionati per l’intervento di sostituzione della spalla

Durata

18/02/2014-30/04/2016

  • Consolidare la raccolta dati nelle regioni e nelle istituzioni già arruolate (Lombardia, Puglia e PA di Bolzano, Fondazione Livio Sciutto Pietra Ligure) e procedere all’arruolamento delle regioni (presumibilmente Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Basilicata e Sicilia) mantenendo l’organizzazione architettonica delle federazioni di registri regionali con il coordinamento dell’ISS
  • Testare la capacità della versione italiana del questionario KOOS (Knee injury and Ostearthritis Outcome Score) di rilevare i cambiamenti dello stato di salute percepito dai pazienti a seguito di intervento chirurgico sul ginocchio

Durata

24/01/2013-30/09/2015

  • Identificazione DM: consolidamento e ampliamento della lista di codici prodotto dei dispositivi impiantati
  • Caratterizzazione DM: identificazione di un set di attributi utili a
  • Definizione di uno schema XML per l’acquisizione dei dati del RIAP

Durata

24/01/2013-30/04/2015

  • Consolidare la rete regionale già costituita per la raccolta dati sulle protesi di anca in seno al RIAP, promuovere l’adozione di provvedimenti che a livello regionale sanciscano l’obbligatorietà della registrazione.
  • Arruolare Calabria e Abruzzo ed eventualmente altre regioni
  • Costruire e alimentare presso l’ISS la base di dati tecnica dei DM

Durata

20/02/2012- 30/06/2014

  • Finalizzare il questionario di rilevazione e definire il modello di acquisizione dati (pre-operatorio/follow-up)
  • Testare la fase di acquisizione dati pre-operatoria del modello su protesica della Regione Puglia
  • Predisporre sul sito web del progetto RIAP una sezione dedicata ai pazienti

Durata

24/01/2012- 31/03/2014

  • Elaborare una scheda di raccolta dati aggiuntivi a quelli rilevabili dalle SDO
  • Organizzare e avviare un primo nucleo del Registro Nazionale nelle regioni che hanno già un registro (Lombardia, Emilia-Romagna, Puglia e test in PA Bolzano)
  • Avviare la raccolta dati via web
  • Implementare procedure di linkage con il Repertorio nazionale dei dispositivi medici ed eventualmente il CIVAB per alimentare una base di dati relativi alle caratteristiche tecniche del dispositivo impiantato

Durata

18/03/2010- 31/03/2013

  • Testare le procedure di linkage con il Repertorio nazionale dei DM
  • Estendere il protocollo ad almeno altre cinque regioni
  • Raccogliere informazioni riguardanti la qualità della vita (HRQoL – Health related quality of life)

Durata

01/08/2008-30/04/2011

  • Elaborare una scheda di raccolta dati aggiuntivi a quelli rilevabili dalle SDO
  • Organizzare e avviare un primo nucleo del Registro Nazionale nelle regioni che hanno già un registro (Lombardia, Emilia-Romagna, Puglia)
  • Avviare la raccolta dati via web
  • Valutare la possibilità di implementare procedure di linkage con il Repertorio nazionale dei dispositivi medici o di istituire una base di dati relativi alle caratteristiche tecniche del dispositivo impiantato

Durata

24/07/2007- 07/06/2009

  • Raccogliere e analizzare i dati epidemiologici
  • Selezionare parametri utili per la realizzazione del Registro
  • Elaborare il modello

Durata

03/04/2006- 02/06/2007